TRAPIANTO DI CAPELLI

La perdita di capelli non è più un problema, se si è in mani affidabili.

Bisogna capire bene quali fattori determinano la calvizie, e la differenza tra la calvizie, e la caduta dei capelli.
Se si tratta di una perdita fisiologica, che succede durante il cambio di stagione o una perdita patalogica, causata da vari fattori, come le perdita di capelli di tipo genetiche o ormonali.
I nostri capelli nascono da una radice chiamata ‘’il bulbo’’ o chiamata anche ‘’unità follicolare’’. Un bulbo sano, può produrre da 1 a 4 capelli (in media 2,5).
DHT (Diidrotestosterone), l’ormone presente nel testosterone (che è presente nel nostro organisma), attraveso un’enzima chiamato 5-ALFA-REDUTTASI, si trasforma appunto in DHT.
Quando l’ormone DHT entra in contatto con i bulbi sul cuoio capelluto, in genere sulle tempie e sul vertice (che la zona può variare da soggetto a soggetto) e penetra attraverso dei recettori all’interno delle unità follicolari, ne causa il progressivo restringimento, riducendo via via lo spessore e la lunghezza dei capelli, fino a causarne la mancata di crescita. E di conseguenza la calvizie.
Per una questione genetica, che per fortuna, alcuni bulbi presenti nella zona parietale e occipitale sono immuni al DHT, perchè non hanno i recettori di questo ormone. Motivo per cui, la zona in cui si trovano questi bulbi, viene chiamata ZONA SICURA o ZONA DONATRICE.
I motivi della caduta dei capelli possono essere molteplici.
La causa più diffusa è ‘’ALOPECIA ANDROGENETICA’’, che è ereditaria e genetica. Come suggerisce il nome stesso, gli ormoni androgeni sono la causa principale della calvizie su soggetti geneticamente predisposti. Però questo non dipende da un eccesso di ormoni androgeni, ma da una maggiore sensibilità del capello a questi ormoni.
Questa condizione colpisce il 95% delle persone, in maggior parte dei maschi o meno delle femmine.
La perdita di capelli di tipo maschile, consiste nel progressivo assottigliamento dei capelli, fino a causarne la mancata di crescita.

TRAPIANTO DI CAPELLI

TIPOLOGIE DI TRAPIANTO DI CAPELLI

IL TRAPIANTO DI CAPELLI ‘’FUE’’

La migliore tecnica esistente per il recupero dei capelli è Fue (Follicular Unit Extraction=Estrazioni delle Unità Follicolari).
Si basa su proprio l’asportazione dei bulbi sani dalla zona donatrice della nuca del paziente e il suo ricollocamento nelle zone colpite dalla calvizie.
Si tratta di un intervento microchirurgico che avviene in anestesia locale, e quindi per tutta la durata è assolutamente indolore.
Essendo comunque un intervento chirurgico è molto importante la scelta del Chirurgo, e anche che l’intervento si realizzi in un’ospedale, come nel nostro che e’ un ospedale degli Standart A plus, ed è un leader nell’arena internazionale nel settore sanitario.

IL PROCESSO DI GUARIGIONE DOPO L’INTERVENTO

  • 3 Giorni dopo l’intervento: potete lavare i capelli per la prima volta (piccole crosticine sviluppate dopo l’intervento inizieranno a cadere)
  • 5 Giorni dopo l’intervento: si termina l’uso dei medicinali prescritti.
  • 10 Giorni dopo l’intervento: si completa il processo di guarigione della zona del trapianto di capelli.
  • 15 Giorni dopo l’intervento: si termina completamente il processo di guarigione con la caduta di tutte le crosticine.
  • 3 Settimane dopo: cadranno il 60% dei capelli piantati.
  • 8-12 Settimane dopo: ricominciano a crescere i capelli nuovi,
    insieme ai capelli persi nella terza settimana.
  • Dopo i 6 mesi: dovrebbero essere cresciuti tutti i capelli, e tagliati almeno due volte dal vostro parrucchiere.

Please publish modules in offcanvas position.